Diffondiamo La città delle donne!

Diffondiamo La città delle donne!

In occasione della manifestazione del #24novembre abbiamo deciso di stampare e diffondere #LaCittàDelleDonne!

Partecipa al crowfounding!

Una mappa di tutte e per tutta la città, uno strumento utile per far conoscere gli spazi che a Roma sono gestiti e rivolti alle donne. Una mappa dei luoghi che offrono ascolto, protezione, accoglienza, che avviano percorsi di autodeterminazione: dai Centri Anti Violenza ai luoghi di cultura, dai consultori ai collettivi femministi, dai servizi socio-sanitari agli sportelli legali. Una mappa per rendere visibili e contribuire a mettere in rete tutte quelle esperienze che operano per la prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne, mostrando anche come molti di questi spazi, nati per rispondere ad un vuoto istituzionale, sono oggi sotto attacco e rischiano di chiudere, in una città già segnata dalla carenza di luoghi dedicati alle donne. Una mappa aperta e collaborativa, per ridisegnare e progettare insieme la città, dando spazio ai bisogni, alle necessità e ai desideri delle donne. Tramite questo crowdfunding stiamo raccogliendo i fondi per la stampa e naturalmente, più donazioni ci saranno, più copie potremmo distribuire!

La mappa virtuale

A questo link è consultabile la mappa virtuale: http://bit.ly/MappaCittàDelleDonne

La città delle donne è ideata per essere una mappa aperta e collaborativa : contribuisci ad ampliare e migliorare la mappatura inviandoci le tue segnalazioni alla mail info@reter.org o attraverso il ReTerWiki: https://wiki.reter.info/territorio:donne

La mappa ad oggi è stata realizzata dal collettivo ReTer – Reti e territorio, in collaborazione con Scup! Sport e Cultura Popolare, Lucha Y Siesta Alt! Giornale Partecipato.

Il progetto ReTer

ReTer è un esperimento di cartografia critica e collaborativa in costruzione che ha tra i proprio obiettivi quello di facilitare l’incontro in un ambiente condiviso, indipendente e non profit delle azioni isolate di mappatura attive in rete e sul territorio. Un network territoriale di associazioni, comitati, enti locali, dipartimenti e laboratori universitari che siano già attivi in questo ambito o dotati di strumenti e banche dati utili. 
Riteniamo che sia importante liberare spazi della rete attraverso infrastrutture e servizi indipendenti e autogestiti operando fuori da dinamiche e interessi commerciali nella tutela dei diritti di libertà di comunicazione e di espressione, di tutela della privacy e dell’anonimato, nella salvaguardia dei digital commons, i beni comuni digitali, affinché rimangano risorse non del mercato o del governo ma delle persone.