Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Melting Pop // Domenica meticcia

28 gennaio 2018 @ 10:30 - 17:30

Melting Pop: la domenica meticcia che riparte dal cibo e dai territori.
Una domenica aperta a tutte e tutti, un mercato solidale e conviviale, per scambiare abitudini e tradizioni, scoprire e riscoprire sapori e culture popolari.
Una domenica per dare spazio a percorsi di auto-determinazione di migranti che hanno messo in campo progetti partecipativi ed inclusivi, per raccontarne i percorsi ed avviarne di nuovi, condividere metodi e mettere in condivisione pratiche e competenze.
A Scup cerchiamo di declinare il cibo come fattore sociale – ne abbiamo parlato nell’ultimo numero di ALT giornale partecipato – che abbia come esito la diffusione di una cultura solidale, rispettosa dei lavoratori e attenta alla filiera produttiva, all’ambiente e alla qualità dei prodotti.
Domenica 28 gennaio il mercato apre alle 10: tra i banchi gli ortaggi e lo yogurt di Barikamà; la sartoria Karalo’ e la serigrafia migrante Jà. Alle 12 corso di cucina senegalese e pranzo a cura del Baobab Street Food. Si prosegue la giornata con un’assemblea aperta di Scup.
Vi aspettiamo!

Ore 10:00 Apertura del mercato
Ore 11:00 Presentazione del progetto Barikamà e della mappa “Per una nuova filiera alimentare nel VII municipio” realizzata da ReTer
Ore 12:00 Corso di cucina senegalese
Ore 13:00 Pranzo senegalese a cura di Baobab Street Food / Catering(pranzo: 5€, corso + pranzo: 8€)
Ore 14:30 Assemblea aperta di SCUP // A che punto siamo?

Barikamà
L’Associazione di Promozione Sociale e la Cooperativa Sociale Barikamà (che in lingua Bambara’ significa Resistente) portano avanti un progetto di micro-reddito nato nel Marzo 2011 che consiste nell’inserimento sociale attraverso la produzione e vendita di yogurt ed ortaggi biologici. Il progetto è attualmente gestito da Suleman, Aboubakar, Cheikh, Sidiki, Modibo, Seydou e Ismael, ragazzi Africani che vivono a Roma, quattro dei quali dopo aver partecipato alle rivolte di Rosarno del Gennaio 2010 contro il razzismo e lo sfruttamento dei braccianti agricoli. Dalla fine del 2014, con il crescere della nostra cooperativa, abbiamo deciso di inserire nel progetto anche ragazzi italiani con la sindrome di Asperger, che è una lieve forma di autismo che non presenta ritardo cognitivo e del linguaggio e Mauro è un nostro socio. Riteniamo che l’integrazione tra questi due mondi diversi possa essere molto importante per entrambi; da un lato abbiamo un supporto informatico e grafico che è ormai diventato fondamentale per noi, e dall’altro offriamo possibilità lavorative ad un mondo che trova le sue difficoltà (tra il 76% e il 90% dei ragazzi con disturbo dello spettro autistico in Europa è disoccupato), e inoltre, alcune mansioni di Barikamà possono essere molto utili a migliorare alcune difficoltà tipiche delle persone Asperger.

Karalo’ Roma
Il progetto della sartoria Karalò, che significa “sarto” in lingua mandinga, nasce a Roma dall’incontro tra richiedenti asilo di diversa nazionalità, alcuni operatori dell’accoglienza e lo spazio sociale di mutuo soccorso Communia Roma costituito da precari\e e studenti\esse. In questo spazio i ragazzi e il collettivo di Communia hanno messo in piedi un vero e proprio laboratorio di sartoria autogestito. Partendo da parole come antirazzismo, uguaglianza, autorganizzazione e mutualismo, in cui tutti sono soggetti attivi, si sviluppa naturalmente il percorso di Karalò.
Recuperare la dignità e la dimensione di esseri umani, annichilita dall’esperienza del viaggio e la lunga permanenza nei centri, sono aspetti centrali del progetto basato su un processo di inclusione sociale orizzontale intenso come scambio di storie, competenze, energie e desideri lontano dall’assistenzialismo e dal business dell’accoglienza. Sostenere queste esperienze vuol dire lottare insieme contro lo sfruttamento, il razzismo e l’esclusione sociale ed economica di chi sta cercando di riprendere in mano i fili del proprio destino.

Jà – Serigrafia Migrante
JÀ in maliano significa “colore”. Siamo un gruppo di ragazzi richiedenti asilo politico che vivono ad Ariccia e che hanno deciso di uscire dal limbo rappresentato dalla vita estraniante nel centro di accoglienza e dalla lunga attesa imposta dalla legislazione italiana ed europea per ottenere i documenti.
Grazie all’incontro con gli attivisti di Occupazioni Precari Studenti e con i ragazzi della camera oscura FZero abbiamo appena iniziato un progetto di stampa serigrafica che attraverso l’arte e l’artigianato ci consentirà di costruirci una professionalità ed un futuro lavorativo in questo paese, oltre a rompere quel velo di invisibilità posto su di noi dal sistema di accoglienza che ci isola dal resto della cittadinanza.

Baobab Street Food / Catering
La cooperativa baobab Street Food è una società d’imprenditorialità giovanile, composta da giovani di diverse nazionalità, che presenta un team di cuochi appassionati dalla loro cucina di provenienza con la razionalità (l’integrazione cominci proprio con il gusto) nell’approccio di diffusione del concetto di integrazione e di accoglienza. Insomma, un opportunità concreta per valorizzare il talento e le capacità imprenditoriali e cooperative, in special modo di migranti, evidenziando l’importanza del ruolo del cibo come animo nutrice del pianeta. Infatti, si ricercano e rielaborano piatti tradizionali di ciascuno cultura per creare proposte culinarie dal sapore diverso e integrare nuovi rete e organizzazione nazionale e internazionale. La nostro MISSION è di diffondere il gusto sano e raffinato dei prodotti tipici delle nostre territori, offrendo alcune specialità di alta qualità ad un prezzo modico, utilizzando anche ingredienti locali e naturali e biologici
con cordialità e ospitalità come da noi.

Dettagli

Data:
28 gennaio 2018
Ora:
10:30 - 17:30
Tag Evento:
, , ,

Luogo

SCUP
Via della Stazione Tuscolana 82-84b
Roma, 00182 Italia
+ Google Maps
Sito web:
https://scupsportculturapopolare.it