Movimento rigeneratore

Orari 2018-2019: lunedì 17.30 > 19.00

Il Movimento Rigeneratore è un’attività umana normale e spontanea che non richiede alcuna conoscenza e tecnica; si pratica grazie alla sospensione momentanea del sistema volontario e razionale da cui via via occorre liberarsi in quanto tende ad intralciare l’evoluzione naturale della persona.
Allenando, invece, il sistema involontario, “extrapiramidale”, si attiva la capacità di riequilibrare l’organismo sul piano fisico ed energetico. Il sistema involontario fa parte delle vie efferenti del Sistema Nervoso Centrale; è il sistema che ha origine nella zona della corteccia posta anteriormente all’area motoria primaria che proietta sui motoneuroni alfa spinali; Il sistema extrapiramidale è quindi un sistema a più sinapsi, che influenza in ultima istanza i motoneuroni spinali, ed è coinvolto nel controllo dei muscoli involontari, della motilità e del tono muscolare, cioè del continuo stato di contrazione in cui si trovano i muscoli, in particolare i muscoli estensori antigravitari, quelli che consentono di mantenere la postura eretta.
Il Movimento Rigeneratore rappresenta, inoltre, una modalità conoscitiva che serve per potenziare le proprie energie psicofisiche, per permettere al sistema omeostatico naturale del corpo di prendersi cura di sé ed è un modo per esercitare e regolare il sistema involontario.

 

Carmelo Ambra Inizia la sua ricerca sul significato profondo dello Yoga nel 1979 frequentando, a Catania, i corsi di Vanda Wani, insegnante della Federazione Italiana Yoga.
Successivamente, prosegue lo studio e la pratica dello Yoga presso il “CentroYogaSamaj” ove partecipa ai seminari annuali tenuti dal maestro tantrico Sharma Yogin di Khajuraho(India).Nello stesso periodo entra in contatto con gruppi culturali e comunità dedite allo studio delle filosofie orientali quali gli Anandamarga e gli HareKrishna.

Dall’85 sviluppa la conoscenza dell’antica pratica giapponese “Katsugen Undo”, collaborando  all’organizzazione di seminari diretti a promuoverne la diffusione.

Nel 1986 si trasferisce a Roma, ove frequenta, per quattro anni, l’Associazione Culturale “Brahmanda”, direta da Pietro R. Veri.    

Nel 1987 compie un viaggio in India, ove ha l’opportunità di visitare l’Istituto “Kuvalayananda” che si rivela di grande importanza per l’arricchimento del suo percorso spirituale ed umano.

Nel 1989 consegue l’attestato di abilitazione all’insegnamento dello Yoga presso l’Accademia dello Yoga di Roma.

Nel 1992 partecipa al corso introduttivo di riflessologia del piede (metodo Zu) del maestro Alfredo Esposito Baldassare, presso l’Associazione Yoga Samaja a Catania

Dal 1993 si dedica intensamente all’insegnamento dello Hatha Yoga che diviene la sua attività prevalente, svolta nelle palestre e nei centri per il benessere psicofisico della capitale. Annualmente, organizza seminari intensivi il cui obiettivo è quello di avvicinare le persone allo yoga e alla Meditazione Kundalini

Nel 2003 frequenta il corso avanzato di massaggio ayurvedico yoga, conseguendo, nel 2004, il relativo attestato dall’insegnante Shakti Martinez Concepción.