Sport e Cultura Popolare


S.Cu.P.! è l'acronimo di Sport e cultura popolare: un centro polifunzionale autogestito di welfare comunitario per il territorio che dal 2012 mette quotidianamente in campo una risposta alla crisi economica, sociale e culturale che stiamo vivendo.

Il community welfare – che interpretiamo come ben-essere comune – si struttura in una serie di pratiche volte a connettere innovazione culturale, necessità sociali e territorio in una gestione diretta da parte dei cittadini.

Gli effetti della crisi sono molteplici: da una parte stiamo assistendo all'impoverimento materiale della società, con numerosi professionisti tagliati fuori dal mercato del lavoro, e livelli di disoccupazione e sottoccupazione crescenti: dall'altro, le misure d'austerity adottate nel corso degli anni hanno comportato un taglio massiccio agli strumenti di welfare.

In tutto questo, il panorama culturale romano è stato profondamente svuotato sia dai tagli al settore pubblico che dalle speculazioni private, e negli ultimi anni abbiamo assistito alla chiusura di cinema, teatri, feste rionali, e in generale degli spazi di aggregazione giovanile e non. Quello che è rimasto è spesso inaccessibile alla maggioranza della popolazione per via di prezzi non più commisurati alle reale capacità di acquisto delle persone.

Queste dinamiche sono andate a intaccare il tessuto urbano, che appare danneggiato e spogliato di progetti ed energie, con un crescente numero di edifici abbandonati che creano dei veri e propri vuoti, con annessi degrado e marginalità sociale.

Scup si propone di rispondere a questi fenomeni su tutti i livelli.

Il progetto di community welfare rappresenta una risposta concreta ai bisogni dei cittadini attraverso la partecipazione attiva dei cittadini stessi, che nel prendersi cura in prima persona del territorio che abitano e vivono e nel trovare forme innovative e mutualistiche del vivere comne si fanno comunità.

E una comunità per noi, nella misura in cui si sviluppa come una rete di mutualismo e solidarietà, non può che rifiutare ogni forma di violenza, sopruso, sfruttamento e prevaricazione: antirazzismo, antifascismo e antisessismo sono i principi del vivere comunitario.

Funzioniamo in modo orizzontale, cioè attraverso una sistema di assemblee, aperte e pubbliche, a cui possono partecipare tutti e tutte coloro che condividono i nostri principi.

L'assemblea di gestione, luogo di decisione e condivisione di tutto ciò che succede a Scup, si svolge ogni lunedì alle ore 20.

News & Eventi
  • Riflessione su Roma in tre atti, atto terzo

    Atto terzo: Grande come una città, Aa. Vv. (Edizioni Alegre) Continuiamo a ragionare sulla città e lo facciamo partendo da noi, dal rischio a cui il nostro spazio sociale e culturale è nuovamente sottoposto. Presentiamo il terzo libro della rassegna “Grande come una città Aa. Vv. (Edizioni Alegre) a cura di Christian Raimo, con Prefazione […]

  • Lucha non si spegne

    Lucha non si spegne: presidio permanente e assemblea pubblica Da martedì 25 febbraio è previsto il definitivo distacco delle utenze della Casa delle Donne Lucha y Siesta. Noi però continueremo a fare luce: invitiamo tutta la nostra comunità ad un presidio permanente durante la giornata e a una grande assemblea pubblica alle ore 17 perché […]

  • Carnevale 2020

    Carnevale di Quartiere – Il Treno dei Desideri Anche quest’anno vogliamo portare la nostra voglia di festa e di vita per le strade del quartiere. Sarà una festa colorata alla quale siete tutti e tutte invitati/e! Dunque BENVENUTO CARNEVALE! Col tuo Spirito Allegro aiutaci a creare una città per il Bene Comune delle persone che […]

  • Le CASE DELLE DONNE non si toccano

    Le Case delle donne non si toccano! Le Case delle donne siamo tutte! Campidoglio piazza aperta martedì 18 febbraio dalle ore 16 Perché torniamo in piazza: Perché la Casa Internazionale delle donne rischia ogni giorno lo sfratto. Da agosto 2018 il Comune di Roma ha revocato la convenzione ma le associazioni della Casa continuano a svolgere i […]

  • Riflessione su Roma in tre atti, atto secondo

    Atto secondo: “Povera Roma. Sguardi, carezze e graffi. Aa.Vv.( Left edizioni) Apriamo il nuovo anno con la presentazione del secondo libro della rassegna, libro a cui teniamo molto. Continuiamo a ragionare sulla città e lo facciamo partendo da noi, dal rischio a cui il nostro spazio sociale e culturale è nuovamente sottoposto. Dopo 4 sgomberi […]