Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

8.06 – Non una di meno Roma al Pride 2019 – F(e)ROCISSIME!

giugno 8 @ 15:00 - 20:00

8.06 – Non una di meno Roma al Pride 2019 – F(e)ROCISSIME!

Non Una Di Meno – Roma è in agitazione permanente e parteciperà al Roma Pride 2019 Nostra la storia, nostre le lotte: grande parata!
Sul carro di Non Una Di Meno – Roma saranno presenti interpreti Lis per tradurre i tanti interventi che verranno fatti e rendere accessibile a tutt_ l’intera giornata!

🎨Le grafiche e gli artwork per l’allestimento del carro sono a cura di: Carlotta, Aloha streetart & Fakeiseasy

Partecipa, diffondi e contribuisci alla costruzione.
Finanzia la nostra presenza dietro al camion!

📌Per bonifici iban carta: IT20R3608105138235361635367 – intestato a Mara Misiti. Causale: Pride Non Una Di Meno Roma

📌Per ricariche come su Poste Pay base: Numero carta: 5333171073160133 – Codice fiscale: MSTMRA92E55A269W

🎼A farci ballare durante il Pride al nostro camion ci saranno i dj di POPPEparty
e le selezioni musicali di Flaminia la Curandera.

📌Eventi di avvicinamento e di autofinanziamento
del carro di Non Una Di Meno – Roma Pride 2019.
Partecipa e diffondi o come preferiamo dire noi…
VENITE E FATE VENIRE!
work in progress…

– Venerdì 24 maggio
“Girl/Pride Cinema e chiacchiere” di Infosex Esc a Esc Atelier,
con il contributo di Identità inTRANSigenti.
Qui evento https://www.facebook.com/events/388839145052303/

– Sabato 25 maggio
“Bella ce sarai, noi siamo favolos_” di Degender Communia a Communia.
Qui evento https://www.facebook.com/events/2237918039620113/

– Martedì 4 giugno
“Non è detto” Teatro forum contro la lesbofobia a Scup Sportculturapopolare. 😉
Qui evento http://www.parteciparte.com/it/eventi/teatro-forum-sulla-lesbofobia/

– Giovedì 6 giugno
Proiezione della pellicola “Stonewall” a Astracult presso il Csa Astra.

In contemporanea ci sarà anche @strikeyourpride con punta creativa verso il Pride + presentazione di “smagliature digitali” e concerto delle @playgirlsfromcaracas a @strike!
Qui evento https://www.facebook.com/events/682807855488611/?ti=as

– Venerdì 7 giugno
“Corpi impuri, il tabù delle mestruazioni” di e con M. Manicardi presso Lucha y Siesta.
Qui evento https://www.facebook.com/events/2254986938100200/

Il nostro comunicato politico di lancio:

SIAMO F(E)ROCISSIME!!!
Cinquant’anni da Stonewall
Volevamo tutto e lo vogliamo ancora!

Siamo lesbiche, frocie, froci, bisex, trans*, non binarie, eterodissidenti senza ordine e gerarchia, senza limiti alle nostre soggettività.

Siamo qui e siamo incazzat_!

Siamo la marea transfemminista che negli ultimi tre anni ha portato nelle piazze e nelle strade la lotta al patriarcato.

Non una di meno attraverserà il Roma Pride del prossimo 8 giugno per riaffermare che la nostra lotta è una lotta intersezionale che si scaglia contro la violenza dell’eteronormatività imposta.

Nell’anno del cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall che ha visto l’insurrezione di soggettività oppresse e invisibilizzate, frocie, travestite, non-bianche, rilanciamo, anche nella giornata dell’orgoglio e della visibilità LGBTQIAPK, la lotta che portiamo avanti ogni giorno in ogni ambito delle nostre esistenze.

In un contesto politico globale che legittima l’ascesa delle forze reazionarie e di destra dal Brasile alla Cecenia, dall’Ungheria a Israele passando per l’America di Trump, questa giornata si pone in completa opposizione all’avanzata dei fascismi in tutto il mondo.

In Italia il ciclo conservatore e repressivo in cui siamo immerse da anni ha trovato nel governo giallo verde il suo culmine e la sua piena legittimazione.

Le narrazioni eteronormate volte a costruire un immaginario che impone il modello Dio Patria Famiglia eliminando ogni possibilità di scelta, sono ora completamente sdoganate. Il loro chiaro intento politico e culturale è l’eliminazione di ogni possibilità di autodeterminazione.

A partire da quanto ribadito dalla Marea che ha inondato le strade di Verona, contestiamo ogni modello familiare e affettivo imposto e ogni costrizione identitaria basata sul binarismo sessuale e sul controllo dei corpi e delle forme di vita.

Ci ribelliamo alle continue discriminazioni che subiscono tutte le soggettività lgbt*qiapk+ in tutti i luoghi che si trovano ad attraversare.

Combattiamo lo stigma, la paura e il pregiudizio che colpiscono le persone sierocoinvolte con gli strumenti di conoscenza, libertà e scelta.

Vogliamo che il diritto alla salute e alle terapie sia incondizionato e accessibile a chiunque nella sua specificità.

Vogliamo in particolare la possibilità di ottenere gratuitamente i farmaci e allo stesso modo l’accesso ai percorsi terapeutici necessari alla transizione o che riteniamo fondamentali per la ri-definizione dei nostri corpi e delle nostre vite.

Ci opponiamo a ogni tipo di trattamento chirurgico su neonatu intersex allo scopo di “normalizzarlu” in uno dei due poli del binarismo.

La nostra è anche una lotta che rifiuta i modelli stereotipati dei ruoli di genere e che si oppone alla rigidità del maschile e del femminile.

La nostra è anche una lotta di froci dai corpi imperfetti e dai desideri non-conformi che rifiutano i modelli imposti dall’omonormatività.

Come abbiamo scritto nel Piano contro la violenza sulle donne e la violenza di genere e urlato nelle piazze negli ultimi anni, vogliamo che l’educazione ai generi e dei generi parta dalla scuola dell’infanzia per arrivare fino all’università.
Come Non Una di Meno ci opponiamo al sistema economico neoliberista che si appropria delle differenze di genere per sfruttarle creando una gerarchia tra le identità e stigmatizzando quelle non conformi.

Anche per questo pretendiamo il reddito di autodeterminazione.

Ci ribelliamo a qualsiasi discorso o creazione di etichette e categorie in cui i nostri desideri diventano un brand e i nostri corpi oggetto di profitto.

Il Pride non può diventare l’ennesimo tentativo di pink e rainbow washing delle politiche di colonizzazione e genocidio da parte di stati come Israele e dei tanti sponsor e multinazionali che rendono un marketing quella che invece è stata ed è la nostra lotta.

La nostra lotta intersezionale si pone contro ogni frontiera simbolica e materiale, rivendicando la libertà di movimento di tutt_ tra generi e confini.

Rifiutiamo di farci “scortare” dalla polizia, la stessa che, allo Stonewall Inn allora e nelle nostre strade adesso, tenta di limitare i nostri spazi e di reprimerci con la violenza.

A chi attribuisce la vita agli embrioni, negandola invece alle migliaia di persone che attraversano il Mediterraneo, noi rispondiamo che chiunque deve poter decidere su dove stare e cosa fare del proprio corpo e della propria esistenza.

A chi impone il modello di famiglia tradizionale o concede diritti civili inadeguati, rispondiamo costruendo relazioni complici e non eteronormate, efamiglie politiche e non genetiche.

  • Ci volete ai margini e invisibili, invece ci riprendiamo lo spazio pubblico con i nostri corpi e i nostri desideri!
  • Ci volete decoros_ e rispettabili, ma siamo polemic_ e scalmanat_!
  • Ci volete pover_ e precari_, saremo ancora più favolose!
  • Ci volete docili e mansuet_, ma siamo f(e)rocissime!

Una foto molto bella del carro di Non Una Di Meno – Roma al Roma Pride 2019

(grazie alla pagina fb di Degender Communia e a Mara per la segnalazione!!)

Intervento conclusivo di Francesca (Degender Communia) per Non Una Di Meno – Roma al Roma Pride 2019

(grazie alla pagina fb di Degender Communia e a Mara per la segnalazione!!)

Questo l'intervento di Non Una Di Meno – Roma al Roma Pride 2019#romapride #pride2019 #nonunadimeno #siamoferocissime

Publiée par Degender Communia sur Samedi 8 juin 2019

 

Dettagli

Data:
giugno 8
Ora:
15:00 - 20:00
Sito web:
https://www.facebook.com/events/436686870397876/

Luogo

Roma

Organizzatore

Non Una Di Meno Roma
Email:
https://nonunadimeno.wordpress.com/
Sito web:
https://www.facebook.com/nonunadimenoroma/