Riflessione su Roma in tre atti, atto secondo

Atto secondo: “Povera Roma. Sguardi, carezze e graffi. Aa.Vv.( Left edizioni)

Apriamo il nuovo anno con la presentazione del secondo libro della rassegna, libro a cui teniamo molto.
Continuiamo a ragionare sulla città e lo facciamo partendo da noi, dal rischio a cui il nostro spazio sociale e culturale è nuovamente sottoposto.

Dopo 4 sgomberi e 3 occupazioni pensavamo di poter avere un po’ di pace. E invece su Scup sta per abbattersi la scure della speculazione edilizia e della privatizzazione.

Per l’ennesima volta il potere economico estende le mani sulla città, complice una politica assente che preferisce vendere pezzi di città quando dovrebbe elaborare strategie e immaginare soluzioni per uscire dalla profonda crisi che stiamo attraversando. Via della Stazione Tuscolana, dove ha sede Scup, è al centro di un progetto di “rigenerazione urbana” che non tiene conto delle necessità e dei bisogni di chi vive la città. In un territorio privo si servizi sanitari, di centri aggregativi, con i suoi spazi verdi lasciati ad appassire, si prevede la costruzione di palazzi, l’apertura di spazi commerciali. Eppure “tra le macerie ereditate e le rovine procurate, c’è una moltitudine di antieroi che si batte e si sbatte in ogni angolo della città. Giorno dopo giorno percorre quel confine che separa chi ha e chi non ha, chi è e chi non è. Se non ci fossero, la Capitale sarebbe un deserto culturale, un cimitero politico. Sono i ribelli consapevoli che animano la rete associativa, l’attivismo politico, la militanza sociale e la tensione civica rivendicando una città giusta e accogliente, vivace e vivibile. Questo libro è stato scritto da loro”. Un libro corale e appassionato che raccoglie molteplici esperienze, tessendo un mosaico di possibilità future, se siamo disposti a coglierle.

Ne parleremo a SCuP mercoledì 8 gennaio alle 18:30 con Sandro Medici, Paolo Berdini, Sofia Costanza e Chiara Franceschini

La locandina dell’evento

Potrebbero interessarti anche...

Carnevale di Quartiere - Il Treno dei Desideri